Torre Mattoni

La meraviglia di Torre Mattoni

Una volta era chiamata “Torre di Bradano” ,ma a partire dal 1800 cambiò denominazione in “Torre Mattoni“.
Essa è ubicata in contrada Marinella tra il torrente Galaso e lago Salinella. 

A quei tempi le coste erano continuamente attaccate dai saraceni, quindi l’unico modo per difendersi  era  costruire delle torri collegate fra loro.



Infatti, le torri all’inizio erano quattro:

  • Torre Mattoni
  • Torre Pantano e Torre Nuova trasformati in masserie
  • Torre della Cersa di cui non è rimasta alcuna traccia

Torre Mattoni fu costruita intorno al 1569 sotto i Doria e su volere del vicerè di Toledo.
Il suo nome deriva dal materiale di costruzione: i mattoni rossi cotti misti a calcare tufo , ciottoli marini e fluviali.
Le sue funzioni furono molteplici:  fino al 1700 era una torre di guardia ,nel 1800 era un posto doganale, deposito per attrezzi agricoli. Inoltre, come testimonia la targhetta in bronzo applicata sulla parete, è un punto fisso di secondo ordine della Rete Geodetica Italiana. 
L’alluvione del 2011 ha riaperto l’alveo del Bradano intorno alla costa , mostrando un paesaggio ancora più affascinante come è ben visibile nelle foto di Max Perrini.

 



 

Foto: Max Perrini

Fonte: “Marina di Ginosa – sede circoscrizionale – decentramento amministrativo e partecipazione democratica” di Nicola Tamborrino.